Pompei-Museo Boscoreale

  • Partenza con il pullman da Sarno
  • Arrivo a Pompei.

Pompei fu fondata intorno all’VIII secolo a.C. dagli Osci che si insediarono alle pendici meridionali del Vesuvio non molto distanti dal fiume Sarno allora navigabile. Pompei era divisa in quartieri, chiamati Regi, ed erano 9. Il percorso inizia con :

  • la visita all’Anfiteatro che risale all’80 a.C. e fu arena di sanguinosi scontri tra gladiatori, e poteva accogliere ben 20.000 spettatori.

Esternamente si presenta in due ordini: la parte inferiore è ad archi ciechi, in pietra, con pareti realizzate in opus incertum, sotto i quali, durante gli spettacoli, i mercanti vendevano le loro mercanzie, mentre l’ordine superiore presenta archi a tutto sesto; tra i due ordini è posto un ambulacro e per permettere agli spettatori di raggiungere le gradinate più alte furono costruite due grandi scalinate

  • Percorrendo la via dell’Abbondanza è possibile raggiungere il Teatro grande e piccolo.

Il Teatro Grande oggi è ancora molto attivo, fu costruito nel II secolo a.C. dove, in passato, venivano messe in scena le commedie di Plauto e Terenzio. Quello Piccolo invece veniva usato prevalentemente per spettacoli musicali.

  • Ritornando su via dell’Abbondanza si raggiunge il Vero e proprio cuore di Pompei antica, questa imponente piazza ospitava edifici pubblici, commerci e faceva da cornice ai dibattiti politici. Qui avrai la sensazione di sentirti davvero un cittadino di un’altra epoca.

La zona che circonda il Foro è ricca di edifici da visitare:

 

  • la Basilica è il più sontuoso tra questi dove si gestivano gli affari e l’amministrazione della giustizia;

 

  • Orto dei fuggiaschi. Questo spazio coltivato è un luogo di grande suggestione dove è possibile osservare i calchi di alcune vittime intente a fuggire dopo l’improvvisa eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

 

  • Edificio di Eumachia. Fu fatta costruire dalla sacerdotessa Eumachia, patrona dei lavandai. Le nicchie sulla fronte accoglievano statue della casa imperiale mentre l’interno è caratterizzato da un portico in colonnato. L’edificio era forse il mercato della lana o la sede della corporazione dei fullones.

 

 

  • Casa di Sallustio. Si trova sul lato orientale della via Consolaree deve il suo nome all’iscrizione elettorale che sorge sulla facciata. Fu colpita da una bomba durante la II Guerra Mondiale e restaurata solo nel 1970. Costruita in blocchi di tufo, aveva sei botteghe nel lato occidentale e un corridoio di ingresso al centro.

Il nostro percorso termina alla famosa Villa dei Misteri; che si trova leggermente fuori gli Scavi. Essa mostra una serie di affreschi che raffigurano una donna che sta per essere iniziata al culto di Dioniso. Si compone di oltre 70 ambienti, tutti decorati e affrescati.

 

 

Pausa pranzo

 

Ritrovo al pullman e partenza per Boscoreale.

 

Boscoreale (Vuoscoriàlë in napoletano) è un della città metropolitana di Napoli in Campania.ll    centro urbano è adagiato alle falde sud-orientali del Panorama del Vesuvio. Il territorio adesso occupato dal Comune di Boscoreale era abitato già in età preistorica. Tra il IX e VI secolo avanti Cristo gli Osci attendevano alla coltivazione dei campi e di loro abbiamo testimonianza attraverso le tombe rinvenute in contrada Marchesa.

Visita al Museo di Boscoreale

L’Antiquarium di Boscoreale è un museo di tipo archeologico ed è sito a Boscoreale: al suo interno sono custoditi reperti provenienti dagli scavi di Pompei, Ercolano, Oplonti, Stabia e Boscoreale. L’Antiquarium è stato inaugurato nel 1991 ad opera della Soprintendenza archeologica di Pompei per offrire ai visitatori la possibilità di conoscere il territorio vesuviano durante l’epoca antecedente l’eruzione del Vesuvio del 79, con reperti della flora e fauna del luogo, della vita agricola e degli usi quotidiani degli abitanti della zona.

 

Annunci

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: