Itinerario Positano

Partenza da Sarno in pullman per Salerno

Arrivo a Salerno in Piazza della Concordia, al porto turistico, da dove, ogni ora,partono i collegamenti via mare per la Costiera Amalfitana. Dal mare ,si può ammirare lo spettacolo degli  innumerevoli borghi, da Vietri a Positano, che si arrampicano lungo la costa, e le scogliere che cadono a picco nel mare , facendo vivere un’esperienza unica ed indimenticabile.

Dopo un’ora di navigazione si arriva a Positano

Prima di visitare la chiesa di Santa  Maria Assunta , principale attrazione religiosa di Positano, non si può non passare per le caratteristiche stradine  , tra le molte  boutique di lusso e i negozi chic in cui acquistare qualche piccolo souvenir o magari uno dei tanti capi di abbigliamento  della tradizionale “Moda Positano” .

La Moda Positano nasce intorno agli anni Cinquanta, ma già nell’ Ottocento ,Positano era rinomata per la tessitura del canovaccio, la classica tela di iuta. Una volta scomparso il canovaccio, gli abitanti del luogo cercarono nuove strade per l’attività tessile e decisero di impadronirsi del bikini. Questo fu solo il primo passo, perché al bikini si aggiunsero gli abiti da mare e quelli da sera nonché i sandali di cuoio fatti su misura e decorati con fiori,  perle e pietre colorate . Dal momento che Positano era frequentata da nobili e artisti, la moda non poteva essere che originale ed elegante, sia nei motivi sia  nei tessuti. Pizzi e merletti, la tecnica del tinto in capo (la colorazione che avviene dopo la confezione degli abiti) e la vasta gamma delle policromie conferiscono alla moda Positano una prerogativa unica ed esclusiva apprezzata in tutto il mondo.

Passeggiando tre le viuzze, si arriva alla chiesa di Santa Maria Assunta, un piccolo gioiello. Grazie alla suggestiva cupola in maiolica, composta da piastrelle gialle, verdi e blu, risulta una fra le attrazioni più visitate e fotografate del luogo. L’abbazia annessa fu fondata nella seconda metà del X secolo e dedicata a San Vito,  patrono di Positano.

Visita  al MAR 

Il nuovo Museo Archeologico Romano (Mar Positano) è una realtà aperta al pubblico. Si tratta di una villa Romana del I sec. a.C. con  straordinari affreschi del triclinium scoperti a 11 metri di profondità sotto la chiesa di Positano . Gli archeologi spiegano cosi la nascita del museo. “L’intento è stato quello di raccontare, all’interno del percorso espositivo, una piccola parte di questa complessità, in parte attraverso l’utilizzo di sistemi multimediali, in parte conservando nell’allestimento la stessa complessità dei rinvenimenti dei reperti e il successivo restauro”.

Oltre alla chiesa, tra le principali cose da vedere a Positano vi sono innanzitutto le tipiche vie strette e sinuose, o meglio “scalinate” che collegano la parte alta della città alla spiaggia. Le principali spiagge di Positano sono la Spiaggia Grande e di Fornillo, entrambe raggiungibili a piedi dal centro città, mentre le restanti solo via mare.
Al di là della bellezza delle sue spiagge, universalmente riconosciuta, Positano è frequentata da gente proveniente da tutto il mondo e dagli stili di vita più disparati. Restare seduti su una terrazza con vista sul mare, degustando una delizia al limone è sufficiente per farsi ammaliare dai profumi e dai mille colori che la caratterizzano.

Dopo aver trascorso la giornata a passeggiare in riva al mare, su e giù per le scalinate del borgo verticale, ritorno al porto per prendere l’ultimo traghetto e godersi l’ultimo sole che tramonta in uno scenario straordinario.

Arrivo a Salerno e ritorno a Sarno in bus

Annunci

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: