Cosa Vedere Pompei

                                                Scavi di Pompei

scavi-di-pompei2

 

Gli scavi hanno riportato alla luce una grande quantità di reperti di pregiatissimo valore per cui oggi Pompei è il sito museale più visitato d’Italia.

 

 

17_111221121511

               Casa del Fauno

La Casa del Fauno è una delle attrazioni principali di Pompei, un’antica villa romana di circa 3000 metri quadrati, tra le più imponenti e maestose della città. La struttura risale al II secolo a.C. e il suo nome si riferisce al ritrovamento di una statuetta in bronzo raffigurante un fauno.

 

 

Anfiteatro di Pompei

anfiteatro-pompeiL’Anfiteatro fu costruito fra l’80 e il 70 a.C. La sua struttura si è conservata quasi perfettamente. Essa colpisce per le notevoli dimensioni, poteva infatti contenere 20.000 spettatori. La cavea era divisa in tre sezioni, in base ai ceti sociali degli spettatori ed era presente anche un velarium che proteggeva gli spettatori dal sole o dalla pioggia.

 

Il Teatro Grande

Pompei-Teatro-Grande-9-foto-Marco-GhidelliQuesto teatro, poco distante dalla Casa del Fauno, poteva contenere fino a 5000 persone. L’area dell’orchestra è  a forma di ferro di cavallo, la cavea è divisa in tre ordini e tutta la struttura poteva essere coperta da un velarium; la scena fu ricostruita dopo il terremoto del 62, decorata con marmi e statue, mentre lo sfondo voleva imitare un palazzo principesco. Era qui che venivano rappresentate le celebri opere di Plauto e Terenzio, ed è sempre qui che oggi, come millenni fa, vanno in scena antichi drammi greci e commedie romane in occasione di speciali rassegne teatrali come Pompei Theatrum Mundi.

 

Villa dei Misteri

villa-dei-misteri-inE’ la villa più importante di Pompei, in un primo momento le fu attribuito il nome di Villa Item, a pianta quadrata si trova su una collinetta dalla quale si godeva una bellissima vista sull’odierno golfo di Napoli.

 

Il Foro di Pompei

foroEra il cuore dell’attività quotidiana degli antichi abitanti di Pompei. Era qui che si affacciavano gli edifici più importanti della città, come quelli dell’Amministrazione Pubblica, dove si riunivano le personalità politiche, ed è qui che si svolgevano manifestazioni religiose e attività commerciali. Il Foro fu sistemato nel II secolo a.C., abbattendo le numerose botteghe che lo circondavano e abbellendo la piazza con statue, mai ritrovate, di dei o di cittadini illustri.È tra i più antichi di Pompei, costruito tra il 575 e 550 a.C. Il tempio di Apollo che vi si affaccia è circondato da un porticato in tufo, con colonne in stile ionico e trabeazione dorica. L’alto podio del tempio, dove è situata la cella, a cui si accede con una scala, è pavimentato con pietre policrome e nel cortile erano collocate le statue di Apollo e Diana nelle sembianze di arcieri, un altare risalente all’80 a.C. e una meridiana

Affresco di Narciso e Boccadoro

Nell’atrio della domus è stato recentemente scoperto uno splendido affresco del mito di Narciso. Narciso è raffigurato secondo l’iconografia classica, nell’atto di specchiarsi nell’acqua, rapito dalla sua immagine.  

 

 

 

Annunci

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: