Cosa Vedere Padula

Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano

Il Parco Nazionale di Cilento-Vallo di Diano e Alburni è un parco nazionale italiano istituito nel 1991. L’area naturale protetta si estende per circa 36 000 ettari,e copre la parte meridionale della provincia. Dal 1998 è Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco (con i siti archeologici di Paestum e la Certosa di Padula), dal 1997 è riserva della biosfera e dal 2010 è il primo Parco Nazionale italiano a diventare Geoparco, per la valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale. La sede del Parco è a Vallo della Lucania.

La Certosa di San Lorenzo

La Certosa di San Lorenzo è il più vasto complesso monastico dell’Italia Meridionale nonché uno dei più interessanti in Europa per magnificenza architettonica e copiosità di tesori artistici. I lavori di costruzione iniziarono nel 1306 per volontà di Tommaso Sanseverino, signore del Vallo di Diano, e proseguirono, con ampliamenti e ristrutturazioni, . Dichiarato monumento nazionale nel 1882, la Certosa è stata presa in consegna dalla Soprintendenza per i Beni architettonici di Salerno e, nel 1982, sono cominciati i lavori di restauro.

Il Battistero di San Giovanni in Fonte

Il Battistero paleocristiano di San Giovanni in Fonte fu eretto nel IV secolo d. C. ed è situato  a poca distanza dalla Certosa di San Lorenzo. E’ uno dei più antichi battisteri cristiani di tutto l’Occidente. Anticamente esso faceva parte del borgo di Marcellianum, nella regione della Lucania. L’unicum di questo monumento è rappresentato dal fatto che la vasca battesimale, anzichè essere riempita artificialmente come di solito avveniva , riceveva l’acqua in maniera naturale perchè realizzata su una sorgente perenne, permettendo il battesimo per immersione. Questo rende il Battistero paleocristiano di San Giovanni di Marcellianum unico nel mondo della cristianità.

Casa Museo di Joe Petrosino

Il museo nasce per interesse dell’Associazione Internazionale “Joe Petrosino”.
Dedicato all’eroe padulese, per gentile concessione della famiglia, è allocato nella sua casa natale ed ha come coreografia gli oggetti e gli arredi che erano presenti negli anni in cui era abitata dall’illustre personaggio e dai suoi familiari. Nel Museo, oltre all’arredo, sono esposti anche cimeli e documenti relativi all’eroica attività del famoso poliziotto. Tutto ciò rende più suggestiva la visita, facendo provare a chi vi si reca le stesse emozioni di coloro che vi avevano vissuto in passato, stimolando nel contempo valori di legalità e giustizia.

Il Museo Civico Multimediale

Il Museo Civico Multimediale di Padula, dedicato all’archeologia e al Risorgimento, è nell’antico Palazzo Brando, situato nei pressi del Municipio e nelle vicinanze della chiesa di San Agostino. Il Museo Civico Multimediale offre ai visitatori un singolare percorso interattivo, attraverso schermi ed armadi parlanti, sulla storia millenaria di Padula e del Vallo di Diano, dalla Preistoria all’Ottocento.

 

 

Annunci

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: